I colori dell’autunno

venerdì 11 novembre 2016 Lifestyle

L’autunno porta con sé paesaggi ricchi di cromatismi sensazionali e nella luce delle miti giornate autunnali, i migliori borghi d’Italia appaiono ancor più belli, pronti a regalare weekend di quiete, immersi tra natura e storia. Eccone alcuni davvero mozzafiato. 

Langhe – Piemonte

Notissima meta enogastronomica, le Langhe in Piemonte hanno conquistato grandi scrittori quali Pavese, Fenoglio e Lajolo, che in queste terre hanno ambientato più di una loro storia.

Accanto agli splendidi paesaggi e alla buona tavola, assolutamente da non perdere sono i castelli langaroli, tra i quali quello di Serralunga d’Alba, nato a scopo difensivo e tramutato in residenza signorile, e il Castello Cavour, che domina sui vigneti che Camillo Benso per primo potenziò come centro di produzione dei grandi vini di Langa. 

Petrella Guidi – Emilia Romagna

Frazione di Sant’Agata Feltria in Valmarecchia, Petrella Guidi è famosa per il suo antico castello e per l’affascinante borgo. Quest’ultimo è caratterizzato da altissime case in pietra antica, circondate da stretti vicoli in ciottolato.

Ad accogliere i visitatori un suggestivo arco in pietra bianca che costituisce la porta d’ingresso al paese, sul quale sono murati alcuni gloriosi stemmi come quelli dei Malatesta, Faggiola e della Santa Sede. Dall’alto delle mura della torre castellare è inoltre possibile ammirare un paesaggio di rara bellezza, pronto ad offrire uno splendido panorama sull’intero territorio della Valmarecchia. 

Cervo – Liguria

Un borgo medievale arroccato su una collina, su cui si affacciano signorili palazzi cinquecenteschi, ristorantini caratteristici, botteghe di artisti e artigiani, il tutto impreziosito da uno scenografico panorama sul mare: Cervo è un angolo della Liguria davvero mozzafiato.

Racchiuso nelle mura medievali, questo splendido borgo è reso inconfondibile dalla Chiesa di San Giovanni Battista, detta dei “Corallini”, un gioiellino del barocco ligure.
Altrettanto imperdibile è una visita al castello dei Duchi di Clavesana, sede di mostre d’arte e del permanente Museo Etnografico del Ponente ligure. 

Parco Nazionale della Sila - Calabria

Un patrimonio naturale che si estende per 150 mila ettari: l’altopiano della Sila in Calabria è davvero unico nel suo genere, così come il suo Parco Nazionale.
Tra i primi cinque nati in Italia, il Parco della Sila offre la possibilità di ammirare una grande varietà di specie animali e vegetali, oltre che di godere di luoghi incontaminati dal fascino bucolico.

Da visitare anche i piccoli centri abitati che costellano la zona, alcuni legati alle tradizioni del territorio, altri più moderni e a forte vocazione turistica. Per una vera immersione nella natura, sono imperdibili le escursioni tra i boschi della Sila, il polmone verde della Calabria, durante le quali è possibile raccogliere funghi, castagne e frutti di bosco.

Raggiolo - Toscana

Piccolo borgo medievale interamente in pietra, Raggiolo nel Casentino (Toscana) è una perla immersa nel verde dei boschi. Caratterizzato da antiche fortificazioni, vicoli stretti e selciati percorribili solo a piedi, il borgo conserva perfettamente le sue caratteristiche originali e autentiche.

Posta alle pendici del Pratomagno, questa affascinante località è situata al centro di famose mete storico-turistiche quali la Verna, Camaldoli, Poppi e Arezzo.
Da visitare il caratteristico Museo della Castagna, che mostra tutte le fasi di raccolta e trasformazione di quello che nel passato della località era un vero e proprio sostituto del pane.