Fitness: se è funzionale, piace!

martedì 24 febbraio 2015 Lifestyle

Il fitness, come ogni settore, vede il susseguirsi di mode sempre diverse, accompagnate da nuovi corsi proposti da palestre e centri sportivi: a volte si tratta di vere e proprie novità, altre dei soliti esercizi presentati con nomi nuovi.

Da un po' di tempo, ad esempio, si sente sempre più spesso parlare di 'functional training' o allenamento funzionale, di cosa si tratta?

Questo allenamento nasce oltreoceano, intorno all'inizio del XXI secolo e punta tutto sull'esercizio fisico in sé, ovvero su un movimento articolato e finalizzato a uno scopo motorio. Ogni esercizio comporta un lavoro su più muscoli, rispecchiando gesti e movenze naturali: l'intento è infatti proprio quello di compiere un lavoro sinergico, in antitesi con l'isolamento muscolare tipico della sala attrezzi, dove troviamo macchine isotoniche, concentrate su una singola parte del corpo alla volta.
Proprio perché essere funzionali significa essere forti, reattivi e agili, l'esperienza motoria diventa multipla e si caratterizza per una progressiva difficoltà di svolgimento.

Tra gli attrezzi più utilizzati di questo efficiente workout troviamo: palle mediche, manubri, funi, fitball, sacche e il kettlebell. Quest'ultimo ne rappresenta la quintessenza e negli ultimi tempi è stato fortemente rivalutato. Si tratta di un attrezzo di antichi natali: i primi a utilizzarlo furono i monaci Shaolin oltre 2000 anni fa, ma ne troviamo tracce anche in Egitto e in Cina. È una palla di ghisa con una maniglia versatile e per questo utilizzata in numerose preparazioni atletiche e sportive. Pavel Tsatsouline, ex istruttore di educazione fisica delle Forze Speciali Sovietiche e attualmente fitness trainer, è il più grande sostenitore di questa “palestra completa che si tiene in una mano”.
Questo strumento consente di bruciare oltre 700 calorie in 30 minuti e, se utilizzato propriamente, garantisce il mix perfetto tra allenamento anaerobico con carichi e attività aerobica cardiovascolare.

Quali sono i vantaggi del funcional workout?
In primo luogo occorre fare riferimento al principio cardine di questo allenamento: la stabilizzazione. Il movimento parte proprio dal centro del nostro corpo e mira a farci acquistare equilibrio e consapevolezza. Inoltre gli esercizi svolti ci aiutano a interagire in modo ottimale con l'ambiente circostante, proprio perché i movimenti sono simili a quelli che svolgiamo ogni giorno.
I risultati estetici che si ottengono, in termini di dimagrimento e tonificazione, sono notevoli e si raggiungono in breve tempo. Questo grazie all'elevato dispendio energetico e a un importante consumo di calorie.
Infine, ed è un aspetto tutt'altro che irrilevante, il funcional training è divertente perché l'allenamento è vario e mai monotono.