10 consigli per rientrare nei blue jeans

domenica 10 gennaio 2016 Lifestyle

Se avete trascorso i primi giorni dell’anno all’insegna del pentimento per eccessi di gola e stravizi, ma continuate a rimandare l’inizio di una dieta o il rinnovo della tessera sportiva, questo è il momento per rimettersi in carreggiata.
La primavera non è poi così lontana, da dove cominciare?
Ecco 10 semplici consigli per lei e per lui per detossinare il corpo, eliminare i liquidi in eccesso e riuscire a infilarsi nei vecchi, preferiti blue jeans.

#Bere molta, moltissima acqua
Durante l’arco della giornata cercate di bere un litro e mezzo o due di acqua minerale.
Evitate l’acqua frizzante e troppo fredda e bandite le bevande gassate e zuccherate.
Preferite le acque povere di sodio minimamente mineralizzate, con un residuo fisso inferiore a 50 milligrammi per litro, o le oligominerali, con residuo fisso inferiore a 500 milligrammi per litro, che svolgono un’azione diuretica pur fornendo all’organismo tutti i minerali di cui ha bisogno.

#Depurare l’organismo
Prendete l’abitudine di bere una tisana al giorno. Una delle combinazioni ideali per disintossicare l’organismo è tarassaco e bardana. Il tarassaco ha proprietà drenanti e dimagranti, stimola il metabolismo e rinforza l’apparato digerente.
La bardana ha proprietà diuretiche, digestive e depurative, è un toccasana per la vescica e lo stomaco, inoltre ha virtù antisettiche che migliorano l’aspetto dell’epidermide e prevengono inestetismi della pelle.

#Esercizio fisico quotidiano
Dedicate un po’ di tempo all’esercizio fisico. Trenta minuti al giorno sono sufficienti per bruciare grassi e dimagrire. A dimostrarlo una ricerca scientifica condotta presso l’Università di Copenhagen pubblicata su The Scandinavian Journal of Public Health, rivista ufficiale delle Associazioni per la Salute Pubblica dei paesi nordici.
Potete praticare addominali ed esercizi tonificanti anche in casa seguendo i nostri consigli per l’home fitness. Iniziate e finite con un po’ di stretching per distendere i muscoli, allentare stress e tensioni, acerrimi nemici della dieta.

#Passeggiare
Altra sana abitudine è fare una passeggiata al mattino appena svegli o prima di recarsi al lavoro. Camminare velocemente riattiva tutto l’organismo, ossigena il corpo e la mente e mette in moto il metabolismo.
Se i vostri ritmi di vita non ve lo permettono, potete comunque ricorrere a qualche piccola strategia, rinunciando alla pigrizia, come ad esempio parcheggiare l’auto distante dalla meta o scendere una o due fermate prima della vostra destinazione.

#Spuntini, sì… due al giorno!
Come tutti sanno, gli spuntini sono un dictat di ogni dieta, cercate quindi di fare cinque pasti al giorno, per non arrivare affamati ai pasti principali e, soprattutto, per non fare assopire il vostro metabolismo. La regola è mangiare spesso e mangiare meno, in modo da avere le energie per le vostre attività quotidiane. Mai saltare la colazione o i pasti principali e consumare fra il 5 e il 10% delle calorie giornaliere a metà mattino e a metà pomeriggio, scegliendo frutta, yogurt,  cracker o scaglie di grana.

#Mettete tutto nero su bianco!
Tenete un diario alimentare e mettete nero su bianco obiettivi e risultati raggiunti con la bilancia. Stabilire un programma, fissando piccoli traguardi settimanali, aiuta a tener fede al proposito di dimagrimento. Perché i risultati siano stabili e duraturi, gli obiettivi devono essere ragionevoli e realistici, questo contribuirà a mantenere un atteggiamento positivo e costante verso la dieta, a imparare a distinguere l’appetito dalla fame nervosa e a trovare compensazioni e cibi anti stress alternativi.

#Alimentarsi in modo corretto
Per non vanificare i vostri sforzi, a tavola cercate di non eccedere.
A pranzo potete concedervi i carboidrati, mente a cena è preferibile rimanere leggeri, consumare proteine e verdura di stagione. Scegliete cibi magri, senza però esagerare con le rinunce onde evitare quel senso di frustrazione che inevitabilmente può spingervi a cercare compensazione con cibi ipercalorici o, peggio, junk food. Infine fate attenzione alle cotture e ai condimenti. Per soddisfare il palato a volte basta un pizzico di semplicità.

#Nel carrello come nel frigo
È ormai un luogo comune che non si fa spesa quando si ha particolare appetito.
Andate al supermercato solo dopo aver fatto uno spuntino, questo vi eviterà di riempire il carrello con cibi golosi. Non dimenticatevi di includere nella lista frutta, verdura e altri cibi per i vostri spuntini o “attacchi di fame” improvvisi.
Tenete sempre in dispensa - nel frigo o nel freezer - alimenti ipocalorici, dolci e vitaminici pronti all’uso per soddisfare le vostre voglie e aiutarvi a superare eventuali momenti di crisi in cui la motivazione si allenta.

#La mise en place
Anche a tavola potete usare qualche piccola strategia che vi aiuti nei vostri intenti.
Durante il pasto più rilassato della giornata - la cena - fate in modo che la mise en place sia piacevole e invitante. Apparecchiate con cura, accendete le candele e imbandite la tavola.
Decorate i vostri piatti in modo che abbiano tutto l’aspetto di grandi e generose portate, questo condizionerà il vostro senso di pienezza.
Il cervello infatti - come dimostrano test psicologici sulla valutazione di sazietà - può essere facilmente “ingannato” e trovare soddisfazione nell’abbondanza visiva.

#Confrontarsi con l’armadio
Tirate fuori dall’armadio un capo comprato “qualche kilo fa” o i jeans preferiti che non indossate da tempo, oppure acquistate un capo nuovo, ma di una taglia in meno.
Datevi un appuntamento davanti allo specchio una volta a settimana e provateli.
Questo vi aiuterà a porvi un obiettivo più concreto, a visualizzare giorno per giorno i piccoli miglioramenti che stanno avvenendo nel vostro corpo, rinvigorendo la vostra motivazione alla remise en forme.
Di qui a breve riuscirete senz’altro a rientrare nei vostri blue jeans preferiti.