Gli ultrasuoni, facciamo chiarezza!

lunedì 4 novembre 2013 General Project

Come funziona questo trattamento? Perché è efficace per combattere la cellulite? Una panoramica sui macchinari di General Project che sfruttano l’effetto cavitazionale degli ultrasuoni per ridurre i cuscinetti di grasso e tonificare la pelle.

Si tratta di un trattamento non chirurgico per combattere l'adiposità localizzata e diminuire i cuscinetti di grasso che si accumulano in specifiche aree del nostro corpo.
Se è vero che alimentazione e sport aiutano notevolmente ad ottenere forme armoniose ed equilibrate, va detto che il metabolismo pigro del tessuto adiposo impedisce di ottenere i risultati sperati in tutte le parti del corpo.
Il sistema ultrasonico è dunque la soluzione ideale perché, consente di agire proprio laddove necessario.
L'emissione ultrasonica arriva infatti in profondità, senza ledere i tessuti sottostanti e concentrandosi unicamente sull'accumulo di cellulite.
L'apparecchiatura danneggia la membrana cellulare delle cellule adipose disgregando gli acidi grassi. Rompendosi, questi liquidi vengono espulsi naturalmente dal nostro organismo.

Rispetto alla liposuzione
- sino a qualche anno fa l'unica strada percorribile per eliminare in modo definitivo il tessuto adiposo localizzato - questo trattamento non richiede interventi, ricoveri, né anestesia. Viene infatti effettuato nel corso di sedute dedicate di circa un'ora e mezza, con un intervallo di 7-10 giorni.
Chi vi si sottopone non è pertanto costretto a interrompere la propria routine quotidiana o lavorativa. Molti, ad esempio, decidono di effettuare la seduta sfruttando il tempo a disposizione della pausa pranzo, proprio perché non si ravvisano effetti collaterali o postumi dolorosi.

I risultati che si possono ottenere sono visibili e misurabili sin dalle prime sedute.
Ricerche e studi scientifici condotti in Italia e in Germania dimostrano una riduzione media della circonferenza di 3.01 cm dopo due soli trattamenti all'addome o in qualunque altra area del corpo trattata, come le fastidiose e ben conosciute “culotte de Cheval”, i fianchi, le cosce, ma anche i glutei e le braccia.
Per ottenere risultati ottimali si combina il trattamento con massaggi linfodrenanti, che forniscono un concreto aiuto all'organismo per smaltire liquidi e scorie prodotte dal trattamento ultrasonico. È inoltre consigliabile bere molta acqua, che favorisce l’eliminazione delle cellule distrutte dagli ultrasuoni.
Per non compromettere i risultati ottenuti, è importante praticare attività fisica, evitare alimenti con elevata concentrazione di sale, optare per un regime dietetico equilibrato e concordare infine una fase di mantenimento: alcune sedute aggiuntive da praticare a seconda delle esigenze del paziente.

Quali macchinari consentono di effettuare questi trattamenti?
Per ottenere un efficace body contouring, General Project ha messo a punto apparecchiature efficaci che sfruttano la tecnologia degli ultrasuoni.
Med Contour, dotato di un doppio ultrasuono modulabile in bassa frequenza, utilizza uno speciale manipolo per sollevare il pannicolo adiposo andando ad agire unicamente laddove necessario. Due emettitori vanno così a colpire le cellule di grasso dell'area interessata. Si tratta di una macchina dotata anche di un ulteriore manipolo per effettuare il massaggio linfodrenante e aprire le zone linfatiche.
Med²Contour è l'ultimo nato di casa GP, un piccolo concentrato di tecnologia che consente di effettuare un trattamento sicuro, efficace e adattabile ad ogni paziente.