La mappa dei brufoli: dove, perché vengono e cosa non fare

giovedì 12 marzo 2015 Estetica

I brufoli compaiono sulla pelle nel periodo adolescenziale. I nostri follicoli piliferi contengono al loro interno una ghiandola sebacea che produce il sebo, una sostanza oleosa.

Durante la pubertà la produzione di ormoni coincide con un aumento di testosterone, il quale induce una maggiore produzione di sebo. Le ghiandole si riempiono di questa sostanza, le cellule dell’epidermide si sfaldano e compaiono gli sgradevoli punti neri o i brufoli.

Ma cosa dire della comparsa di questi inestetismi in età più matura?
La fonte principale sembra essere l’appartato digerente e, benché non esista alcuna base scientifica che identifichi con certezza i cibi colpevoli, va detto che l’abuso di certi alimenti - come i fritti - è spesso direttamente correlato alla prolificazione di queste impurità. A favorirne l’insorgenza, ci sono poi altre cause concomitanti, come lo stress, l’assunzione di determinati farmaci o cosmetici e la gravidanza.
Sull’acne e la comparsa di brufoli - un problema che colpisce il 30% degli italiani fra i 15 e i 20 anni - esistono ulteriori teorie, non riconosciute dalla medicina ufficiale, ma utilissime per farci comprendere la complessità di questo inestetismo.
Secondo la medicina cinese e l'ayurveda, ad esempio, la mappa dei brufoli sul viso ci rivela piccole o grandi problematiche che interessano organi specifici del nostro corpo.

Qualche esempio?
#La fronte corrisponde al fegato o alla cistifellea

In questo caso occorre evitare ogni forma di junk food, diminuire la quantità di grassi assunta e depurarsi quanto più possibile, preferendo cibi non raffinati.

#Il mento rappresenta i livelli ormonali
Dormire di più e assumere omega 3 aiuta senz’altro. Se la situazione perdura, è bene rivolgersi al proprio ginecologo.

#Il contorno labbra è l’intestino
Ancora una volta responsabile numero uno è l’alimentazione. Assumere più fibre e optare per un’alimentazione ricca di frutta e verdura è sicuramente una strada da percorrere.

#Il naso, filo diretto con cuore e polmoni
I punti neri si combattono dicendo addio ai cibi troppo speziati e diminuendo il sale assunto, preferendo un variegato paniere ortofrutticolo, unito a frutta secca, come le noci.

Qualunque sia l’origine, cosa fare?
Occorre innanzitutto resistere alla tentazione di torturare il brufolo. Le nostre mani sono un ricettacolo di batteri e possono provocare un’infezione secondaria o lesioni a volte durature.  È inoltre consigliabile eliminare gli oli per viso e detergere sempre accuratamente la pelle, preferendo prodotti di qualità.

Cercate una soluzione definitiva?
La luce pulsata combatte l’acne in modo permanente, perché gli impulsi di luce e il calore contribuiscono a eliminare i batteri, stimolando la produzione di ossigeno e igienizzando l'area trattata. Powerflash è uno degli apparecchi progettati da General Project per la cura dell’acne. Gli effetti della luce agiscono selezionando diverse lunghezze d’onda, consentendo di trattare ogni tipo di pelle in assoluta sicurezza.